Il programma del Lunedì sera

       

Il programma del Lunedì sera

   

RILEGGI LIVE – Napoli-Villarreal 2-3 (13′ Capoue, 14′ Osimhen, 66′ Jackson, 70′ Moreno, 79′ Kvaratskhelia): ko per gli azzurri

RILEGGI LIVE – Napoli-Villarreal 2-3 (13′ Capoue, 14′ Osimhen, 66′ Jackson, 70′ Moreno, 79′ Kvaratskhelia): ko per gli azzurri

Dopo oltre un mese d’assenza, il Napoli di Luciano Spalletti torna al Maradona, in campo per affrontare il Villarreal dei vecchi amici Pepe Reina e Raul Albiol, ancora azzurri dentro ma fuori con le maglie dei gialli di Spagna. La prima delle due amichevoli che la squadra azzurra affronterà a Fuorigrotta – l’altra contro il Lille mercoledì sera – prima di Natale e del nuovo anno, che vedrà il ritorno del campionato e della Champions League.

Una sfida da affrontare con tante assenze: Spalletti non avrà a disposizione Rrahmani e Sirigu, oggi ha alzato bandiera bianca anche Matteo Politano: un affaticamento muscolare per l’esterno azzurro, inutile rischiare. In avanti Osimhen, Raspadori – di nuovo mezz’ala – e anche Simeone dovranno farsi valere contro Reina, assenti anche i cinque napoletani impegnati al Mondiale che torneranno solo nelle prossime ore.

Le formazioni:

Napoli (4-3-3): Meret, Di Lorenzo, Ostigard, Juan Jesus, Mario Rui, Ndombelé, Lobotka, Raspadori, Elmas, Osimhen, Kvaratskhelia

Villarreal (4-4-2): Reina; Kiko Femenia, Albiol, Pau Torres, Mojica; Yeremi Pino, Capoue, Morlanes; Alex Baena; Jackson, Collado

13’ – Al primo affondo, il Villarreal passa in vantaggio: bella azione degli spagnoli che affondano con Capoue, bravo a superare Meret nell’area di rigore.

14’ – Passa un minuto e risponde il Napoli! Retropassaggio errato di Yeremy e Osimhen ne approfitta, involandosi in area di rigore senza lasciare speranze a Reina. 1-1

22′ – Partita vera al Maradona. Intervento duro di Morlanes su Ndombele: l’arbitro Dionisi lo ammonisce verbalmente e lo invita a mantenere la calma. In precedenza Elmas aveva reclamato per un contatto in area

25′ – Villarreal vicino al vantaggio con Collado che all’interno dell’area fa tremare il Maradona con un destro in diagonale deviato da un difensore del Napoli.

34′ – Finalmente un lampo del vero Kvaratskhelia che riceve all’interno del campo e serve subito Osimhen in profondità: pallone leggermente profondo che il nigeriano non riesce a fare suo.

43′ – Contrasto deciso tra Collado e Juan Jesus al limite dell’area: fischia l’arbitro, punizione insidiosa per il Villarreal.

45′ – CAPOUE’! Il centrocampista intercetta il pallone respinto dalla difesa del Napoli: sinistro forte e angolato, strepitoso Meret a deviare in corner. Intanto l’arbitro non concede recupero e finisce così il primo tempo.

46′ INIZIA LA RIPRESA

46′ Due cambi per il Napoli: entrano Gaetano e Zerbin al posto di Ndombele e Elmas.

49′ Capouè ancora pericoloso: il suo tiro finisce di poco a alto.

52′ Ottimo intervento di Mario Rui che fa un ottima diagonale difensiva.

54′ Duro contrasto tra Alex Baena e Ostigard con l’azzurro che si alza senza problemi.

60′ Tre cambi per il Napoli: dentro Demme, Simeone e Zanoli al posto di Lobotka, Osimhen e Juan Jesus.

63′ Jackson calcia dal limite: destro forte che si alza sopra la traversa. Altra palla persa da Di Lorenzo.

66′ Marcatura leggera su Jackson che si aggiusta la palla e punisce Meret: 1-2.

70′ Bruttissimo errore di Demme che regala palla a Pino, passaggio per Moreno e tris spagnolo.

72′ Altri due cambi per il Napoli: entrano Barba e Zedadka al posto di Di Lorenzo e Raspadori.

78′ Zerbin manda al abr Sanchez e conquista un rigore.

79′ Kvaratskhelia dal dischetto spiazza il portiere e accorcia le distanze.

85′ Altro giovane in campo: esce Mario Rui ed entra Marchisano.

87′ Cross al centro dell’area e arriva dall’altro lato a Danjula che colpisce il palo.

90′ Ci saranno 4′ di recupero.

94′ Finisce qui: il Napoli perde con il Villarreal.

Grazie, Mario!

Grazie, Mario!

Ci sono notizie che non vorremmo mai dare. Quelle difficili anche solo da scrivere. Quelle che tu avresti dato meglio di chiunque altro.

Mario Sconcerti non è stato solo un ospite de Il Bello del Calcio nelle ultime stagioni. Non è stato solo un punto di riferimento giornalistico per noi tutti della redazione. Non è stato solo una sublime penna, appassionata a tutto e tutti, con quella simpatia viola (e azzurra) e il dente avvelenato da giornalista vero.

Mario Sconcerti, per noi, è stato innanzitutto un amico. Pronto a tirare le orecchie quando serviva, a fare un plauso quando lo meritavamo. È stato per noi tutti un compagno di viaggio incredibile, davanti e dietro la telecamera.
Un istrione prestato al giornalismo, con la passione per la buona tavola e per la musica, che ci ha accompagnato in tante serate napoletane.

Dopo la scomparsa di Gianni Di Marzio, un anno fa, Il Bello del Calcio perde un’altra colonna portante del suo cammino. Un appassionato giornalista, un opinionista serio e preparato. Una persona perbene, soprattutto. Ben al di là dagli schemi classici del giornalismo italiano. Un precursore, un innovatore quando serviva. Un bastian contrario per natura, come nell’indole di tutti i toscani veri.

Anche in una giornata così ci avrebbe sorriso beffardo e detto che, in fondo, anche la morte è parte della vita. Una vita piena come le parole di quella “My way” che amava rubare a Sinatra.

Grazie, Mario.
La Redazione de Il Bello del Calcio

Napoli-Eintracht: i tedeschi pronti alla favola Champions

Napoli-Eintracht: i tedeschi pronti alla favola Champions

La squadra più sorprendente dell’ultima Champions League contro quella che ha vinto lo scorso anno l’Europa League. Sarà sfida tra rivelazioni quella tra Napoli e Eintracht Francoforte, gli azzurri di Luciano Spalletti hanno pescato al sorteggio di Nyon di questo pomeriggio i tedeschi allenati da Oliver Glasner che hanno messo insieme 10 punti nel gruppo D, quello in cui è successo di tutto nell’ultima giornata con Tottenham, Marsiglia e anche Sporting Lisbona.

IL MOMENTO – Il grande sforzo in Champions League sta togliendo qualche energia anche in campionato ai tedeschi, che al momento devono rincorrere le prime posizioni. L’Eintracht è al 5° posto in classifica oggi, con 23 punti e due sconfitte e tre vittorie nelle ultime cinque partite di Bundesliga. Un andamento che certifica il peso del doppio impegno. Nel suo palmares, un campionato vinto nella stagione 1958-59, cinque Coppe nazionali e due Coppa Uefa/Europa League, vinta proprio nella passata stagione e grazie alla quale si è ritrovata nel Gruppo D di Champions League.

I PRECEDENTI – Tre i faccia a faccia tra Napoli e Eintracht nel passato: due sono arrivati nella Coppa Uefa della stagione 1994/95, annata in cui i tedeschi si affermarono con un doppio 1-0 tra andata e ritorno. Una partita contro anche in Coppa delle Alpi, con la sconfitta azzurra per 1-2. L’Eintracht non evoca bei ricordi nemmeno a Luciano Spalletti: l’allenatore toscano ha beccato due volte i tedeschi nell’Europa League 2018/19 con l’Inter guadagnandosi l’eliminazione dal torneo visto il pareggio dell’andata in Germania e la sconfitta nella gara di ritorno al San Siro.

LA STELLA – È arrivato quest’estate Mario Gotze e ha già capito come far innamorare i tifosi. Il calciatore tedesco, 30 anni e campione del Mondo nel 2014, ha scelto Francoforte dopo le esperienze a Dortmund, Bayern Monaco e Psv.  

Napoli-Rangers, accusa dalla Scozia: “Non vogliono darci i biglietti”

Napoli-Rangers, accusa dalla Scozia: “Non vogliono darci i biglietti”

Napoli-Rangers è ormai alle porte per il quinto turno di Champions League, ma a quanto pare le critiche sono già partite, direttamente dalla Scozia: il club di Glasgow, infatti, ha comunicato dal proprio sito web l’impossibilità dei propri tifosi di seguire la squadra al Maradona. «Purtroppo, il Napoli e la UEFA hanno riconfermato che non vi è alcuna intenzione di offrire ai tifosi itineranti biglietti, nell’interesse dell’integrità sportiva. Come tali, i tifosi dei Rangers non saranno ammessi nello stadio e non saranno ospitati all’interno della città» si legge dal comunicato.

Ma perché questo divieto? All’andata, lo scorso settembre, a causa del lutto della Gran Bretagna per la scomparsa della Regina Elisabetta II, la gara fu spostata di un giorno e fu impossibile per tanti napoletani – che avevano già acquistato il biglietto o erano già in città – assistere al match. Di conseguenza, fu annunciato anche il divieto per il ritorno. «È incredibilmente deludente per tutti i nostri tifosi che seguono il club, a grandi spese personali, e che saranno devastati per non poter vedere la nostra squadra […] dobbiamo consigliare vivamente ai tifosi di non viaggiare per motivi di sicurezza».

ten Minimum Put Online 400 casino bonus casino United kingdom

ten Minimum Put Online 400 casino bonus casino United kingdom

Possibly, you may wanted to confirm regarding the incentive you need, as there may be most of them having individuals amounts to have novice players. Currently, there are plenty of internet casino web sites in the united kingdom, however the of them you to definitely take on reduced-roller gamblers are unusual. Most casinos want their customers and make the absolute minimum deposit out of £10 to activate incentives and play games. (altro…)