Europa League

Euroavversarie: cosa aspettarci dallo Spartak Mosca

“Ciao Napoli! Non vediamo l’ora di andare in trasferta allo Stadio Diego Armando Maradona!”. Questo il tweet con il quale lo Spartak Mosca saluta il Napoli, in vista della doppia sfida nei gironi di Europa League.

L’ultimo precedente con i russi risale alla stagione 1990-91, l’ultima apparizione europea di Diego Armando Maradona con la maglia del Napoli.

A trent’anni da quella doppia sfida, che vide gli azzurri uscire ai rigori dopo un doppio 0-0 tra andata e ritorno, il destino delle due squadre si incrocia.

I russi non hanno iniziato al meglio questa stagione, uscendo ai preliminari di Champions League per mano del Benfica, mentre in campionato vede la squadra moscovita momentaneamente al nono posto.

L’anno scorso, però, sono arrivati secondi alle spalle della corazzata Zenit, che in Russia non ha rivali da almeno tre anni. Non aspettiamoci una squadra materasso, anzi.

Tra i giocatori da tenere d’occhio c’è sicuramente Alexander Sobolev, punta d’attacco dei biancorossi, che viene da una stagione da 14 gol e 4 assist in 22 presenze, pronto a ripetersi e consacrarsi tra i migliori attaccanti del suo campionato.

Inoltre ci sono giocatori di esperienza internazionale come Victor Moses e Quincy Promes, pronti a far male alla difesa del Napoli, o giocatori in rampa di lancio come Alex Kral, mediano della Repubblica Ceca e metronomo del centrocampo dello Spartak.

La storia si ripete e, al Maradona, un anno dopo la morte del Pibe de oro, e a trent’anni dalla funesta sfida degli anni ’90, la squadra di Spalletti ha la possibilità di vendicare l’uscita in Coppa dei Campioni del Napoli più vincente della storia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *