Che fine ha fatto?

CHE FINE HA FATTO – Ivano Trotta, dall’eurogol al Frosinone alla cantera Napoli

21 aprile 2007, ore 16: al ‘Matusa’ si sfidano Frosinone e Napoli, match in programma per la 35esima giornata di Serie B. Gli azzurri, allenati da Edy Reja, stanno lottando assieme a Juventus e Genoa per agguantare la promozione diretta in Serie A. La classifica, a quel punto del campionato, vedeva i partenopei al terzo posto, a -1 dai grifoni e con la Juve abbondantemente in testa.

Vincere, dunque, era fondamentale. Dopo un primo tempo fermo sullo 0-0, i ciociari si portano in vantaggio al 62esimo con Castillo e condannano momentaneamente il Napoli a restare terzo. Cinque minuti dopo, splendida azione sulla sinistra di Pià, cross in area per Sosa e pareggio immediato. Sul risultato bloccato sull’1-1, Reja si gioca il jolly, nonchè protagonista della storia di oggi: esce Emanuele Calaiò, entra Ivano Trotta.

A due minuti dalla fine, su sponda di Sosa, Ivano lascia partire un tiro di contrombalzo dal limite dell’area che si insacca nell’angolino. Vince il Napoli, secondo posto raggiunto e Serie A sempre più vicina.

Ora, invece, che fine ha fatto? Dopo le giovanili in maglia Juventus ed una sola presenza in campionato con i bianconeri, Trotta gioca anche a Rimini, Treviso e Carrarese. Sarà Napoli, però, a dargli le più grandi soddisfazioni in carriera.

Oggi allena i ragazzini della ASD Napoli Cantera City, progetto finanziato dal vice-presidente della SSC Napoli, Edoardo De Laurentiis. E’ ancora legato alla città ed ha dichiarato spesso che un suo rimpianto è stato quello di non aver mai giocato, anche per una volta sola, in Serie A con la maglia del Napoli. Nessuno, però, gli toglierà mai la soddisfazione di aver inciso il suo nome nella storia azzurra.

Andrea Colaneri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *