Flash Generici

Gattuso: “Voglio vedere la prestazione. Allan si è allenato male, resta a casa”

Appena terminata la conferenza stampa di Gennaro Gattuso, l’allenatore azzurro ha presentato la sfida di domani pomeriggio (ore 18.00) alla Sardegna Arena contro il Cagliari.

Subito un breve resoconto sulla situazione infortuni e sulla mancata convocazione di Allan: “Insigne e Ghoulam sono a disposizione. Milik ha un’infiammazione al ginocchio, Lozano una contrattura, mentre Koulibaly non è al 100%. Allan non non si è allenato come voglio io e quindi domani resta a casa. Quando torneremo, se si allenerà come dico io, verrà convocato”.

Si parla poi di obiettivi stagionali e della vittoria di mercoledì: “Dobbiamo fare 40 punti, non pensare all’Europa. Sento dire che mancano gli stimoli perché non siamo in Champions, siamo in una zona pericolosa e dobbiamo crescere mentalmente. Bisogna giocare di squadra, senza snobbare nessuno. Poi ci può stare un momento di sofferenza come anche nell’ultima partita. A San Siro abbiamo fatto 46% di possesso giocando come collettivo, non c’è stato catenaccio”.

Ancora su Allan: “Già dissi che al termine del mercato di Gennaio volevo vedere persone pensare al Napoli per 24 ore al giorno. Per gestire una squadra devo essere coerente. Oggi bisogna pedalare”.

L’allenatore ha poi evidenziato qualche errore commesso nelle partite precedenti: “Quando sono arrivato ho provato subito una pressione ultra-offensiva ma la squadra non poteva sopportare questo tipo di impostazione, per questo ci siamo messi più dietro. Dobbiamo essere compatti e dare modo alla difesa di salire, poi quando abbiamo palla c’è qualità. Se non abbiamo il possesso tendiamo spesso ad allungarci”.

Si discute poi degli episodi arbitrali e sull’utilizzo del VAR: “Sono sempre stato favorevole. Il calcio è cambiato, parlano tutti e quindi deve parlare anche l’arbitro spiegando cosa ha visto. Bisogna credere alla buona fede, poi qualche giovane si mette in difficoltà da solo”.

Considerazioni importanti su Mertens ed Elmas: “Mertens mi piace, senza di lui abbiamo perso tanto. Può fare tutto, esterno, centravanti, inoltre ha grande tecnica e furbizia. Di Elmas mi ha sorpreso la qualità, invece la forza si era vista subito. Regala ancora qualcosa, ma ha 21 anni. Ha la testa da calciatore, ha voglia e ascolta”.

Altra possibile partita trappola quella di domani, secondo l’allenatore: “Il loro gioco può infastidirci. È una gara simile a quella con la Sampdoria, palleggiano meno del Lecce. Servirà una gara attenta. Dobbiamo dare continuità a quanto fatto a Milano, voglio vedere la prestazione, come teniamo il campo, come siamo disposti alla sofferenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *