Opinioni

D’Alessandro: “Il Napoli non può programmare lo Scudetto nel breve, questo il motivo”

Massimo D’Alessandro, ospite di Giochiamo D’Anticipo a Canale 8, ha parlato della stagione disputata dal Napoli e dei temi di mercato legati alla squadra azzurra. Queste le dichiarazioni del giornalista in trasmissione: “Sono contro la costruzione dal basso, che è un qualcosa di introdotto soltanto negli ultimi anni. Molti allenatori la portano avanti con convinzione nonostante degli svarioni evidenti, come quello di Meret ad Empoli. Dovrebbe essere alternata alla vecchia tattica del lancio lungo. Il futuro di Koulibaly? In futuro, potendo eventualmente scegliere, non penso andrebbe alla Juventus. Cosa avrebbe potuto dire di più il difensore? La sostanza è che lui vorrebbe rimanere e rinnovare il contratto, ma a cifre che lui ritiene adatta e che non sono compatibile con la politica di ridimensionamento che sta attuando il club. La festa di Insigne? Il calciatore è stato salutato degnamente ed è stata una bellissima cerimonia. Insigne è stato bravo a chiudere la sua esperienza senza polemiche, ma nonostante ciò restano molte critiche nei suoi confronti. In ogni caso è un prodotto del settore giovanile che ha rappresentato ne rappresenterà la storia del club. Napoli non più in lotta per il titolo? La frase secondo cui non ci saranno più occasioni l’ho sentita tante volte in questi 18 anni di presidenza di De Laurentiis, resto fiducioso per il futuro ma non nell’immediato: con la prospettiva di un abbassamento del tetto ingaggi e la partenza di alcuni pezzi importanti mi sembra difficile che si possa programmare uno Scudetto. Confronto Spalletti-Gattuso? Premesso che è difficile fare paragoni tra le diverse annate e che la scorsa stagione ci furono vari problemi – non fu fatta nessuna preparazione estiva, si verificarono infortuni fisici e casi Covid, Gattuso ebbe problemi fisici e poi ci furono i contrasti con il presidente De Laurentiis – Gattuso fece un girone di ritorno straordinario e mancò la Champions solo all’ultima giornata. Tuttavia i risultati danno ragione a chi ha raggiunto l’obiettivo con tre giornate d’anticipo. Lotta Scudetto? Se alla Juventus non si fosse fatto male Chiesa, non credo che la lotta sarebbe stato tra Inter e Milan. Il terzino sinistro? Oliveira è l’uomo giusto per sostituire Ghoulam, ma il Napoli non si farà prendere per il collo e sonda altre piste, come Parsi dell’Empoli. Un altro nome che mi piace è Udogie dell’Udinese, ma è molto giovane e dovrebbe fare ancora un anno di esperienza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.