Opinioni

Renica: “Le parole di Sacchi? Non sempre vince chi gioca meglio”

Alessandro Renica, intervenuto in collegamento streaming nel corso di Giochiamo d’Anticipo, si è soffermato sul capitano azzurro Lorenzo Insigne. Queste le parole dell’ex calciatore del Napoli: “Insigne ha un carattere particolare e ha bisogno di essere sollecitato dal punto di vista psicologico. Gattuso ha capito che è un elemento che deve giocare sempre, anche quando non sta facendo bene, perché visto il suo carattere fragile può andare fuori di giri. Ancelotti mi sembra che non accettasse questa cosa e per questo si è creato un conflitto tra i due. Un allenatore, aldilà della tattica, deve comprendere i calciatori a livello psicologico. Insigne è napoletano, si sa che da questi giocatori si pretende sempre di più. Io ho grande ammirazione per lui. Come esterno alto ha dei numeri indiscutibili e non può fare di più, la piazza azzurra ti porta in paradiso quando fai bene e all’inferno in caso contrario. Lui ha bisogno di fiducia a prescindere, si è immedesimato come capitano e bandiera alla Totti. Quando esce dal campo soffre perché vuole sempre lottare per la maglia, almeno io la vedo così. Chi lo ha fatto crescere è Gattuso, che ha capito la sua psicologia. Le parole di Sacchi sullo Scudetto del 90′? Ho già risposto sui social, intanto parliamo di un solo punto mentre noi vincemmo con scarto di due. Sacchi dimentica che noi perdemmo un campionato, nella stagione 87/88, che meritavamo di vincere più di quelli in cui abbiamo trionfato. Non sempre chi gioca meglio vince, conta arrivare davanti alla fine. Personalmente per me Sacchi non ha inventato nulla, si è ispirato tanto all’Olanda di Crujff”.

Risposta

  1. Mentre il Napoli vocava a Bergamo contro il Milan veniva tolto un gol di Marronato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *