Flash

Bundesliga, nessuna sanzione per omaggi a Floyd

Durante l’ultimo turno di campionato alcuni giocatori hanno deciso di portare sul rettangolo verde delle esultanze per rendere omaggio a George Floyd, fatto che aveva comportato l’apertura di un fascicolo per capire se i giocatori che avevano esposto slogan per lo statunitense ucciso a Minneapolis potessero essere passibili di sanzione. Oltre Thuram, l’attenzione si è focalizzata su Sancho, Hakimi Achraf e McKennie.

Infantino aveva invitato la Federazione a valutare e prendere una posizione, ed è stata la stessa Federazione a mettere la parola fine sulla Vicenza con un comunicato: “La DFB ha avviato la discussione pubblica sui messaggi politici nello stadio su iniziativa del suo presidente. Chiunque proclami i valori del calcio che sono presenti negli statuti del DFB non deve essere punito. Vogliamo giocatori maturi che diano il buon esempio e convincano la gente dei nostri valori. Questo deve essere possibile”.

“Le punizioni basate su dichiarazioni contro il razzismo” ha aggiunto Björn Fecker, a capo del tavolo di discussione istituito dalla Federcalcio tedesca per valutare sull’argomento, “contraddirebbero fondamentalmente il nostro impegno nel DFB. Ora si tratta di discutere proposte come l’integrazione e la diversità, nonché l’impegno contro la discriminazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *