Generici Serie A

Spadafora: “Calcio simbolo della ripartenza. Partite in chiaro? Cercheremo accordo”

Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, intervistato nel corso del Tg2 Post, ha parlato della ripartenza ormai prossima del calcio in Italia: “La preoccupazione continua ad esserci, la stessa che ci ha portato al senso di responsabilità. Oggi che tutto il paese riparte è giusto che il calcio sia un simbolo. Sono contento si inizi con la Coppa Italia, che verrà trasmessa in chiaro. Per quanto riguarda Serie B e Lega Pro ieri all’incontro erano presenti i presidenti delle due leghe. Il presidente della Lega Pro ha manifestato dei problemi, di cui dovrà occuparsi la FIGC. Per ripartire bisogna rispettare i protocolli, vale per tutti”.

Uno degli obiettivi del Ministro è anche la trasmissione delle partite in chiaro: “Dobbiamo evitare che l’apertura del campionato produca assembramenti e problemi di ordine pubblico, data la contrarietà di alcune tifoserie. Nei prossimi giorni proverò a mediare con i broadcaster per la diretta televisiva e non escludo un intervento normativo in materia”.

Tema collaboratori sportivi e ripartenza degli altri sport: “La prossima settimana riusciremo a pagare le indennità mancanti di marzo e quelle di aprile/maggio per i collaboratori sportivi. Il calcio è una delle maggiori industrie del paese, ma servono riforme perché parecchie società sono molto indebitate. Quasi tutti gli sport sono ripartiti. Ciò che manca è l’attività amatoriale degli sport di contatto, come il calcetto e le scuole danza. L’augurio è che nel DCPM che entrerà in vigore dopo il 15 giugno possano ripartire anche questi settori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *