Redazione

Rivoluzione a tutto tondo, non solo della rosa

Un weekend da incubo per i tifosi napoletani, che hanno assistito a una debacle incredibile contro il modesto Empoli di Andreazzoli. Da tre partite, troppi errori da parte di allenatore e giocatori, che sembrano già soddisfatti di rientrare tra le prime quattro. Questa volta, però, bisogna mettere sul banco degli imputati anche la società, che pecca di comunicazione e organizzazione. Un ritiro annunciato a gran voce nella giornata di ieri, nonostante il parere contrastante dei giocatori. Ci sarà una rivoluzione per la rosa, questo è certo, ma bisognerebbe rivedere anche qualcosa a livello societario. E non basta andare in Champions per considerarti un top club.

Risposta

  1. “rivedere qualcosa a livello societario” rientra nella tua analisi.
    Guardiamo l’organigramma delle squadre “blasonate” e scopriamo che tutte hanno almeno un ex giocatore nel loro organico !
    Milan : Paolo Maldini – Direttore Tecnico e Francesco Baresi – vice presidente onorario;
    Inter : Javer Zanetti – vice presidente ;
    Juventus : Pavel Nedved – vice presidente ;
    Roma : Morgan De Sanctis – Team Manager e Franco Totti – dirigente;
    Lazio : Ugli Tare – Direttore sportivo;
    Fiorentina : Giancarlo Antognoni ha lasciato da poco la Dirigenza per divergenze con Rocco Comiso
    Napoli : Gianluca Grava e Luigi Caffarelli – settore giovanile
    CONCLUDO
    De Laurentis è Padre Padrone e non vuole nessuno nel suo staff !!!!!!
    Iuliano, Improta, Montefusco, Bruscolotti, Ferrara, Cannavaro,………… devono restare fuori dalla “Società”!!!!!
    Ho 79 anni ho sempre avuto l0’abbonamanto o visto le partite (tutte) in TV ; ma ora dico BASTA, BASTA e lo dovrebbero dire tutti i napoletani, quelli che davvero voglio bene al Napoli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.