Opinioni

Pistocchi: “Inter più strutturata per vincere, Napoli stanco nella ripresa”

Maurizio Pistocchi, intervenuto in diretta durante il Bello del Calcio su Canale 8, ha parlato di Napoli-Inter analizzando il pareggio ottenuto dagli azzurri sabato pomeriggio. Queste le sue dichiarazioni in diretta, in cui ha risposto anche ai quesiti posti dai tifosi via social: “Napoli-Inter? Nella prima frazione gli azzurri hanno giocato molto meglio e avuto più occasioni, l’Inter è stata salvata anche da una parata di Handanovic e dal palo sul tiro di Zielinski. Nella ripresa invece la squadra di Inzaghi è cresciuta. Nel complesso quindi bella partita, con un tempo per parte. Impressioni sulla squadra di Inzaghi? ln base alle occasioni create il Napoli ha fatto di più, l’Inter ha pareggiato in un modo molto casuale però è cresciuta molto nella ripresa ed ha alzato i ritmi di gioco. Il secondo tempo dimostra che i nerazzurri sono la formazione più strutturata per vincere il campionato, quindi l’avversario da battere. Paura o scarsa personalità nella ripresa? Il Napoli nel primo tempo ha speso tanto per sopravanzare l’Inter sul piano del gioco, si sono visti anche dei principi diversi in campo. Nella ripresa la benzina è finita ed è emersa la squadra nerazzurra, che ha fisicità e personalità importanti. Le prime quattro a fine campionato? Inter, Napoli, Atalanta e una tra Milan e Juventus. La squadra con il calendario migliore? Quello dell’Inter, ma non bisogna trascurare il fatto che, quando si gioca contro squadre che lottano per degli obiettivi importanti, queste danno di più rispetto a chi è già salvo. Milan favorito per il titolo con l’assenza delle coppe?  Le partite in più sono un peso in un certo momento della stagione, però le coppe europee possono dare anche delle motivazioni. Compatibilità tra vincere e riduzione ingaggi? In tutto il mondo chi spende di più e ha più soldi vince: Il City in Premier League, il Real in Spagna, il PSG nel campionato francese e il Bayern in quello tedesco. L’unica eccezione è l’Italia, dove la Juventus nono sta vincendo nonostante la rosa più ampia e il monte ingaggi più alto. Chi passa il turno tra Barcellona e Napoli? Il Barcellona non è quello che aveva Messi, Suarez e Neymar, però sta ricostruendo con giovani interessanti. La partita è interessante e alla portata del Napoli, vedo però un leggero vantaggio ‘storico’ per i blaugrana. Impressioni dopo il pareggio con l’Inter? Dopo il periodo negativo di gennaio in pochi davano il Napoli ancora in corsa per il titolo, invece è ancora lì. Il primo tempo è stato giocato bene e ci sono state occasioni nitide. La partita è stata di livello buono, nonostante i paradossi nascosti dietro gare simili: spendendo così tante energie nel primo tempo, era lecito aspettarsi un calo. Non si poteva certamente andare ai ritmi visti nei primi 45′, per questo Spalletti ha gestito un pareggio che tiene le cose in stand-by. La sconfitta avrebbe tolto speranze ed autostima. Cosa penso del Barcellona? La partita non sarà facile, al Camp Nou loro sono bravi ad allargare il campo in ampiezza e palleggiano bene. Xavi sta facendo un buon lavoro e qualche risultato si vede, ma non è la squadra degli anni passati ed è più abbordabile. Sono curioso di vedere questa gara anche per farmi un’idea sul futuro: se il Napoli vorrà andare avanti farà una partita di sostanza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.