Live News

FINE LIVE – Spalletti: “Se vinciamo è possibile parlare di scudetto”

Buon pomeriggio e benvenuti alla diretta testuale della conferenza stampa di Luciano Spalletti, che dal Konami Training Center di Castel Volturno presenterà il big match di domani contro l’Inter, in programma al Maradona alle ore 18. Ecco le sue parole!

-Entra in sala Luciano Spalletti, inizia la conferenza stampa.

Koulibaly gioca? 

“Mi sembra irrispettoso verso chi dovrebbe fargli posto. Koulibaly è un giocatore differente, non parlo solo di calcio, basta guardare quello che ha fatto in finale. La prima cosa dopo aver vinto è stata salutare gli avversari, chi ha sbagliato il rigore. Parlo dello spessore dell’uomo prima che del calciatore, per noi è differente ma c’è bisogno di tener presente il rispetto verso chi ha giocato. Questo favorisce le mie scelte, ma aspetto domani per dire le formazioni”.

Sarà una partita Scudetto? 

“Bisogna sempre precisare che l’obiettivo dichiarato è mettersi dietro alcune più forti, rientrare in Champions, ma sappiamo che vincendo questa partita potremmo essere catapultati verso un altro obiettivo. É una figata, ci ha fatto passare una settimana col sorriso, anche mentre dormivamo. É la situazione che amiamo vivere”.

Si aspettava un mese fa di trovarsi in questa posizione dopo una tempesta perfetta tra infortuni ed altro? 

“In quel momento di difficoltà siamo rimasti sul lavoro da fare, sul comportamento da temere, prendendo più punti possibili ma tutto dipende dal lavoro di ogni giorno che mette sempre in palio qualcosa verso le partite. Abbiamo una rosa che anche cambiando elementi sanno cosa fare, anche durante la settimana della Juventus, quando tutti parlavano di rinviarla, loro avevano il desiderio di giocarla e hanno fatto un grande risultato. Sono tranquillo, io vengo di conseguenza”.

-Dopo che per anni la città è stata ossessionata da Orsato, protagonista in negativo nella stagione 2017/18, sui social gira la foto dell’arbitro Doveri col trolley dell’Inter, nello spogliatoio arriva? 

“All’aeroporto la finanza lo fermò, gli impose di aprire lo zaino (ride, ndr), c’erano dentro mozzarelle, che non si sappia in giro (ride, ndr)”.

-Per Spalletti trovarsi in questa posizione di classifica in questo momento dell’anno è una rivincita personale? 

“Io non ne ho, vado dietro il mio modo di lavorare, devo essere fortunato nel trovare giocatore che le pensano come me e mi fanno fare bella figura. É una gara importante, equivale al tempo impiegato precedentemente ed ai sacrifici fatti per arrivare a giocarla, sin dalla fatica di Dimaro e le giocate di Castel di Sangro e quel lavoro torna utile. Le carriere di tutti dipendono da queste gare qui, ci teniamo tantissimo e per me non sarà una rivalsa, lì ho lasciato calciatori che so quanto mi stimano”.

Che distanza c’è tra Inter e Napoli? 

“Loro sono gli amministratori del condominio, sono attrezzatissimi, i campioni in carica, li troveremo arrabbiati per il derby, furiosi, come le squadre di razza che odiano perdere. Noi li rispettiamo, ma non cambia il nostro atteggiamento. Alla squadra ho detto dovevamo giocare col Venezia come se fosse l’Inter, ora dovremo giocare con l’Inter come fosse il Venezia, il nostro atteggiamento non deve cambiare, con rispetto verso chi ci ama e che ci sosterrà. Possiamo perdere, ma non possiamo tradire i nostri comportamenti. Loro hanno caratteristiche in cui sono più forti, ma noi in altre siamo più forti, bisognerà vedere chi porterà il discorso nelle proprie caratteristiche”.

-Come giudica la gara d’andata?

“Dopo il 2-1 prendemmo questo 3-1 in contropiede, fece venir fuori la differenza, abbiamo perso qualche palla di troppo, la squadra non è riuscita a portare il discorso sulla sua caratteristiche. Se con l’Inter la metti sulle seconde palle e i contrasti vincono loro, ne hanno di più di noi di fisicità, se si gioca tecnicamente si arginano le vampate dei loro giocatori sugli esterni. Lì gestimmo meno bene il pallone”.

Ancora sulla gara d’andata:

“Serve quella calma che ci fa esprimere la qualità che abbiamo, noi siamo feroci fino ad un certo punto perché non abbiamo quelle caratteristiche. L’Inter lo è più di noi, ti arriva addosso con più forza. Hanno diversi di grande livello, come noi, dopo l’1-0 perdemmo troppi palloni, noi abbiamo analizzato quella partita, mica solo il derby, passa tutto dalla nostra capacità di evidenziare le nostre qualità, le nostre caratteristiche, ovvero gestire la palla, fare possesso e poi andare dietro la linea difensiva! Loro aggressivi e cattivi? Noi calmi e forti, serve equilibrio, testa accesa sempre. Noi ci chiamiamo Napoli non a caso, ma perché serve creatività e qualità superiore alla media e parlo anche della città, riportiamola dentro al campo!”

Osimhen non ancora in gol con le big, ne avete parlato? 

“Facciamolo giocare contro, è difficile far gol da casa, le altre non le ha giocate”.

Servirà cazzimma? 

“Quello è riconosciuto, un termine napoletano che rende bene l’idea, ce ne sono diversi, serve anche quella, il livello di personalità, a chi ci ama dobbiamo rendere qualcosa. Sapere che c’è lo stadio pieno per le possibilità ci porta la responsabilità di dimostrare di meritare il sostegno, in questi periodi siamo in difficoltà per il Covid, nessuno fa niente, ma la società ci ha pensato e ADL ha abbassato drasticamente i prezzi ed ha fatto qualcosa venendo incontro alla gente, c’è chi non può comprarli e sono convinto che è una scelta giusta per riaggregare il nostro entusiasmo ed anche in gare in cui ci sarà più gente”.

Con quasi tutta la rosa può utilizzare al meglio i 5 cambi? 

“É un vantaggio in più, l’obiettivo è sempre di essere il miglior Napoli al di là di chi c’è, se ne abbiamo di più con 5-6-7 soluzioni per fare 5 cambi di livello ci aiuta ad essere forti”.

Ha parlato dell’importanza del palleggio, a centrocampo si risolverà la gara? 

“Da tutte le parti, se rubi palla hai un’occasione, all’andata prima di fare gol Zielinski sradica palla e si ritrova l’occasione del gol. Quando inizia l’azione sugli esterni, se prendono velocità i loro esterni. Bisogna difendere in un certo modo, poi salgono 5-6 elementi a saltare in area e diventa un altro momento importante,  bisogna eludere la loro fisicità quando avremo palla noi”.

-Termina la conferenza stampa al Konami Training Center di Castel Volturno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.