Live News

FINE LIVE – Spalletti: “Venezia partita tosta, non pensiamo all’Inter”

Buon pomeriggio e benvenuti alla diretta testuale della conferenza stampa di Luciano Spalletti, che dal Konami Training Center di Castel Volturno presenterà la sfida di domani tra Venezia e Napoli. Ecco le sue parole!

Finito il mercato, con le quote millesimali come siamo messi? C’è chi si candida ad amministrare quel condominio? 

“L’Inter è stata brava ad avere più quote delle altre, poi c’è chi sembra averne meno, ma più o meno sono in parti uguali, l’Inter ha portato a casa la possibilità di stare più comoda”

C’è il derby, per voi inizia un mini-ciclo della verità? Venezia, le due milanesi, la Lazio, il Barcellona, si decide la stagione? 

“Sì, ci sono dei momenti che capitano, come quello della tempesta perfetta, che sembrano più difficili, ma qualsiasi scenario per noi non deve cambiare niente, qualsiasi situazione di classifica, il Napoli deve fare il Napoli, che è costruito per vincere ogni partita, sarebbe fondamentale avere un numero di giocatori per avere tutte queste gare così ravvicinate però ormai la normalità è questa e bisogna smetterla di sottolineare che si gioca molto perché non è più un’eccezione. In campo si deve scendere con la felicità di giocare sempre, provando a vincerle tutte”.

Come ha trovato la squadra? Cosa ha chiesto e che mentalità servirà? 

“La squadra l’ho vista sempre in condizione, poi è chiaro che se si gioca sempre con gli stessi qualcuno può andare un po’ in fatica, ma s’è sempre allenata bene, come collettivo, non conta tanto cosa abbiamo passato, ma conta quello che vogliamo fare ora, quale livello vogliamo esibire e l’ambizione per superare ogni ostacolo ci troviamo di fronte, la convinzione, perché i problemi capitano a tutti, chi più chi meno. Poi è finito il mercato, non vedevo l’ora che finisse, per abbracciare i miei, c’era più il dubbio di qualche partenza che di qualche arrivo (ride, ndr), mi sembra di avere le carte in regola per giocare questa gara difficile. Fare quel miglioramento di cui abbiamo bisogno per essere migliori”.

Che insidie troverete a Venezia? 

“Non è una partita di passaggio, è un avversario con calciatori forte, un tecnico che sa fare il suo mestiere, poi c’è la particolarità nell’arrivare in quel posto lì, può creare qualche disturbo dall’attenzione che bisogna avere ma i nostri lo sanno che la partita è vera, non bisogna pensare che sia un passaggio verso l’Inter. Questa è la partita tosta, devi mettere mano alla tua disponibilità per acchiappare le piccole cose per diventare completo”. 

Si aspettava davvero qualche cessione? 

“No, in realtà non mi aspettavo niente, c’era un piano con la società per restare con chi c’è, rimanendo coerenti col pensiero dei nostri calciatori che li ritenevamo forti all’inizio come adesso. In quella tempesta perfetta siamo rimasti della stessa idea, il pericolo non era reale perché serviva la nostra disponibilità”.

Sosta nazionali che ha visto poche partenze, alcuni calciatori sono stati fuori solo per degli stage, ha impostato un lavoro efficace? Vedremo qualcosa di diverso? 

“Noi qualche difficoltà l’abbiamo sempre avuta, ma anche la fortuna di allestire sempre una quindicina di convocati, ma le difficoltà ci sono state, anche ora pure se siamo contenti e positivi, qualcuno dice che abbiamo tutti a disposizione ma in realtà ce ne mancano diverso ma c’è un numero sufficiente per arrivarci in maniera ottimale per esibire il nostro calcio. Dobbiamo stare attenti a tenere il nostro livello, mettendo quello che non abbiamo come caratteristiche e che dobbiamo ricercare, se non siamo a braccetto con l’Inter è colpa di qualche partita che mentalmente poteva essere più abbordabile e quindi è lì che dobbiamo fare quel saltino caratteriale e di mentalità. Col Venezia è una gara difficilissima”.

L’allenatore azzurro ha poi commentato la recente intervista di Radja Nainggolan a Radio Kiss Kiss Napoli:

“Lui dice sempre la verità, è uno che vive senza cover, gli chiedo scusa sul fatto della notte prima di Bergamo che ha raccontato, pensavo davvero avessero giocato a carte, invece hanno giocato a Fifa (ride, ndr), mi dispiace”.

Come mai la decisione di escludere Tuanzebe dalla Lista Uefa? 

“La spiego male, ma poi voi mi dovete spiegare l’esclusione di un altro per inserire lui. Il momento in cui non vorresti mai fare l’allenatore è quando chiami un giocatore nell’ufficio per dirgli perché non fa il torneo. All’Inter lo dissi a 3-4 perché c’era la lista Uefa ridotta, lì fu un massacro, crei proprio un gruppo di escluso ma sono calcoli. In questo caso esce Manolas ed entra Ghoulam che era infortunato, sono valutazioni, il terzino sinistro manca, di centrali ce ne sono 3 col ritorno di Koulibaly. Davanti la forza va mantenuta se vuoi far strada. É comunque un dispiacere per Axel, ci stiamo conoscendo, ora deve curarsi la schiena ma è subito entrato nel gruppo, sa già parlare un po’ l’italiano, in allenamento va fortissimo e ci aiuta anche con i contrasti, lo ringraziamo”.

La difesa non ha fatto rimpiangere l’assenza di Koulibaly...

 “Sì, me l’aspettavo, anche quando facevo giocare Manolas c’era Rrahmani sempre sul pezzo che mi mostrava che faceva il suo mestiere, doveva avere più attenzione nella costruzione bassa per avere qualità nell’uscita, ora è perfetto, ti trova quelli in trequarti spessissimo e poi ha assunto una personalità da leader della difesa, urla verso tutti e complimenti per il suo livello, come Juan Jesus senza fare discorsi di rivalsa, ha lavorato e fatto vedere che può avere un futuro in qualsiasi squadra che merita per l’uomo”.

Un messaggio per Koulibaly che si gioca la finale? 

“Lo aspettiamo a braccia aperte, poi dentro al campo sa come fare per lui e per i compagni, lui ci mette sempre la disponibilità per ogni cosa. Loro sono forti, meritano di vincere il torneo. Mi avrebbe fatto piacere vedere giocare contro lui e Anguissa, tanto comunque devono giocare un’altra partita, ma hanno fatto un grande torneo”.

Quanto senti tuo il progetto Napoli con giocatori e piazza? Si ragiona col gruppo per un discorso più ampio dei contratti in scadenza? 

“É un discorso che va troppo avanti, c’è una partita, abbiamo da finire contro avversari fortissimi, abbiamo dei doveri, dobbiamo far bene adesso, il futuro poi si gioca anche nel presente, nel continuo presente, quel discorso verrà fatto dopo aver vinto altrettante partite”.

Come stanno Lozano ed Ounas? 

“Dobbiamo fare gli accertamenti prima di parlare di tempistiche, Ounas si sta allenando e dalla prossima settimana può rientrare in gruppo ed allenarsi con noi”.

-Termina la conferenza stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.