Rassegna Stampa Serie A

Calcagno: “Volontà comune dei calciatori è riprendere”

Il vicepresidente dell’Associazione Calciatori Umberto Calcagno ha chiarito la posizione di quasi tutti i tesserati dei club di Serie A di fronte alla ripresa del campionato, evidenziando durante un’intervista ai microfoni di RBN che la volontà comune sia sempre stata quella di ripartire: “Se fosse vero che dei giocatori non volevano riprendere a giocare? Dipende che significato si dà al non voler giocare. C’è chi ha contratto il virus o chi vive e gioca in città molto colpite. C’era una percezione differente, ma non credo ci sia mai stato nessuno che abbia detto di non voler giocare. Chiaro che affrontare una ripartenza in qualunque categoria non è semplice. Chi ha vissuto da vicino il virus magari ha una percezione differente. Anche noi viaggiamo tanto per lavoro, sicuramente in base al carattere si affrontano diversamente certe situazioni. C’è poi una soggettività che riguarda l’individuo”.

Sui calciatori con contratti in scadenza e la proroga concessa dalla FIFA, Calcagno ha poi aggiunto: “La FIFA è stata molto chiara nel concedere la proroga e noi l’abbiamo già attuata. Diversa è la proroga di un tesseramento, essendo lavoro subordinato. Credo che anche la Federazione possa dare delle linee guida, ma non credo si possa poi incidere in rapporti privati. Si potrebbe normare magari sui calciatori in scadenza che non hanno ancora nuovi contratti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *