Generici Serie A

FIGC, Gravina: “Ripresa è segnale di speranza per il Paese”

Lunga intervista ai microfoni di Sky Sport per il presidente della FIGC Gabriele Gravina, il quale si è detto estremamente soddisfatto dell’ultimo incontro tenutosi giovedì scorso con il Ministro dello Sport Spadafora: “Il calcio esce da questa pandemia in maniera rafforzata, armoniosa. L’incontro con Spadafora di giovedì, a differenza di altri dove c’è stata anche tensione, è stata di grande serenità. Abbiamo dialogato costantemente col nostro Ministro, alla fine il calcio ne esce con grande forza e possibilità di dare messaggi di speranza al nostro Paese, sapendo che i rischi sono sempre presenti e dietro l’angolo. Dobbiamo governarli ma come sempre ci vuole anche un pizzico di fortuna”.

Sulle ipotesi di chiusura definitiva della stagione ripetutesi nel corso degli ultimi mesi, Gravina ha poi aggiunto: “La preoccupazione di non ripartire è stata forte, in un mondo dove dobbiamo convivere col mecenatismo e il cialtronismo. Abbiamo dovuto oltrepassare i filosofi dell’ovvio, gli anfitrioni dell’emergenza, i sostenitori del ”tutto non si può fare”. Certo, dobbiamo stare sempre attenti, ormai siamo a una fase sempre meno complessa ma è un momento molto delicato perché è il tempo della programmazione”.

Sul possibile Piano B qualora la curva dei contagi dovesse salire ed il campionato costretto di nuovo allo stop, Gravina ha poi concluso: “Il nostro Piano B è strutturale, è molto chiaro e contenuto in una delibera di Consiglio federale che prevede in caso di momentanea sospensione e della impossibilità di continuare a completare il campionato per quanto riguarda la stagione come strutturata fa ricorso ai playoff e playout, un format più contenuto per far si che ci sia un risultato legato al merito sportivo. Nel caso in cui il campionato dovesse subire una interruzione definitiva bisognerà ricorrere ad un algoritmo che approveremo prima della partenza del campionato, lo proporremo al Consiglio Federale del’8 giugno. Un algoritmo che terrà conto di diversi fattori, sempre legati a risultati e a elementi oggettivi della classifica di ciascuna squadra perché si arrivi alla definizione di questo campionato. Cristallizzazione o ricalcolo? Ci sarà la cristallizzazione della classifica e bisognerà far ricorso ad un algoritmo che proietti la classifica di qual momento alla fine del campionato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *