Flash Serie A

Il cambio della guardia

La partita contro il Genk spartiacque di questa fin qui sciagurata stagione azzurra. Lo dicevamo da giorni, senza però ipotizzare direttamente i risvolti che in queste ore invece prendono sempre più corpo.

Il Corriere dello Sport non ha dubbi in merito, tanto da dedicare la prima pagina alla vicenda con un “Il ribaltone” scritto a caratteri cubitali: qualsiasi sia il risultato della partita di stasera, ci sarà il cambio in panchina con Gattuso pronto a subentrare ad Ancelotti.

L’allievo che sostituisce il maestro, il grintoso “ringhio” al posto di quel Carlo Ancelotti che tradisce le sue sensazioni solo attraverso un movimento di sopracciglio. Aurelio De Laurentiis si gioca la carta del cambio in panchina, con un tempismo imperfetto, come spesso capita quando si muove il Presidente, tipico dell’elefante che dopo tanti anni cerca ancora di capire come muoversi nella cristalliera Napoli.

Non ha gradito questa tempistica Carlo Ancelotti, lo si è intuito ieri in conferenza stampa. Non si aspettava di esser messo alla porta alla vigilia della decisiva partita contro il Genk, indipendentemente dal risultato. Così in conferenza si presenta con lo staff al completo, parla da allenatore del Napoli futuro quando definisce la partita di stasera il match della svolta per uscire dal tunnel, ma tradisce il suo stato d’animo parlando di “valigia pronta”.

Probabilmente sarà l’ultima di Ancelotti come allenatore del Napoli, lascerà in eredità a Gattuso il passaggio del turno in Champions e tanti problemi da risolvere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *