Redazione

Prove di disgelo in casa Napoli, domani ADL incontra la squadra

Era il 5 novembre e dopo un importante quanto sfortunato pareggio interno contro il Salisburgo iniziò il caos in casa Napoli. La società azzurra, in seguito ai diversi risultati non soddisfacenti della squadra, impose agli uomini di Ancelotti un ritiro di una settimana che sarebbe durato fino alla successiva partita di campionato contro il Genoa. Lì il colpo di scena: i giocatori decisero di non seguire le direttive societarie e disertarono il ritiro. Da quel momento si sono rincorse tante voci sugli avvenimenti accaduti nello spogliatoio azzurro nell’immediato post partita di quella sera e la poca tranquillità del gruppo si è palesata poi sul campo nelle successive partite.

Infatti, dopo lo scialbo pareggio casalingo contro il Genoa immediatamente successivo al cosiddetto ‘ammutinamento’, è arrivata un’altra deludente prestazione a San Siro contro un Milan tutt’altro che irresistibile al rientro dalla sosta. A questo punto è arrivata la risposta da parte della società: multe salate ai giocatori per il mancato ritiro con stangate notevoli per i principali fautori della rivolta. Appresa la notizia i giocatori hanno dunque deciso di compattarsi e provare a mediare con la società per evitare ulteriori battaglie legali. In tal senso non è stata un caso la fuoriuscita della notizia del possibile ritiro autoimposto dalla squadra in caso di sconfitta con il Liverpool. Ma ciò non è servito: ieri sera ad Anfield infatti, dopo circa 20 giorni dall’inizio del caos, sì è rivisto un Napoli di nuovo compatto e convinto di potersela giocare alla pari anche contro i campioni d’Europa. Segnali importanti giunti quindi dalla squadra che dovrà ripartire proprio dalla notte di Liverpool per provare a rialzarsi in campionato dando finalmente continuità ai propri risultati.

Nel frattempo domani, dopo più di 20 giorni di silenzi, incomprensioni e lontananza, il presidente De Laurentiis appena tornato dal suo viaggio negli Stati Uniti incontrerà la squadra al centro sportivo di Castel Volturno. La finalità dell’incontro sarà, con ogni probabilità, quella di cercare di ricucire finalmente lo strappo venutosi a creare nell’ultimo mese tra squadra e società puntando alla ricostruzione di un ambiente sereno e concentrato sul raggiungimento dei propri obiettivi stagionali. Il surreale momento nato quel famoso 5 novembre sembra stia dunque giungendo al termine e la speranza è che, una volta ritrovata la dovuta serenità, la squadra torni a proporre il proprio calcio in maniera convincente. La partita di domenica contro il Bologna ci darà le prime risposte.

A cura di Simone Santacroce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *