Calciomercato

Insigne – Napoli, ADL: “Rinnovo fino al 2024, ma senza adeguamento”

Insigne ed il Napoli, storia di un rapporto tormentato. Quest’anno, la parabola del neo-capitano azzurro è stata un susseguirsi di momenti positivi e negativi: il rigore realizzato al PSG nella gara interna di Champions League del 6 novembre, poi un lungo digiuno culminato con il rigore fallito sempre al San Paolo contro la Juventus, infine la rete decisiva al 98′ contro il Cagliari, che sembra aver restituito al calciatore di Frattamaggiore una rinnovata tranquillità ed il feeling con il popolo azzurro come dimostrato dal recente messaggio d’amore pubblicato da Lorenzo: “Ho sempre detto che mi riempie di orgoglio indossare questa fascia. Il Napoli è la mia squadra del cuore e spero fortemente di giocare con questa maglia in futuro”.

Una ritrovata serenità frutto anche, secondo quanto riportato da Il Mattino, dal summit tenutosi a casa Ancelotti, alla presenza del presidente Aurelio De Laurentiis e del nuovo procuratore di Lorenzo Mino Raiola. Tema principale dell’incontro il prolungamento di contratto fino al 2024 (scadenza attuale 2022), non un rinnovo, così come espressamente chiarito dallo stesso De Laurentiis: “Non aspetta un incontro con me e nemmeno un rinnovo, al massimo un prolungamento. Se vuole rimanere con noi a vita allora ce lo dice e noi facciamo un’eventuale discussione su come tenerlo. Un vero capitano è anche quello che sa parlare alla squadra e sa come convincerla a poter raggiungere determinati traguardi”.

Ad oggi, infatti, Insigne è il calciatore più pagato dal club (supera i 5 milioni con i bonus) ma sarà presto superato da Koulibaly e sul tema il presidente e l’AD Chiavelli, sempre molto attenti agli equilibri di bilancio e di spogliatoio, sono stati molto chiari con l’entourage del numero 24.

A cura di Danilo Casano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *